Vernissage 14 Aprile 2011 ore 21,30 a cura della P.ssa Manuela VALLERIANI

Circolo virtuoso IL NOME DELLA ROSA - via Gramsci, 46 bis - Giulianova Paese (TE)

Info Line 338.9727534

Il respiro della Terra


L’ormai noto circolo ‘virtuoso’ partecipa alla XIII Settimana della Cultura con una nuova ed interessante mostra fotografica che, da un lato, chiude il progetto “FotografArte” per la stagione 2010/11 e, dall’altro, costituisce la tappa conclusiva di un’ideale trilogia espositiva legata al nome di Cristian Palmieri.

Dall’osservazione sulle possibili forme del mare (Figli dello stesso mare, 2009), alla ricerca tematica sulla luce, rivelata a contatto con alcuni eremi abruzzesi (Luce nel silenzio, 2010), fino al presente lavoro incentrato sulla terra, il fotografo rosetano propone un’indagine sul mondo naturale che ci conduce sempre più in profondità all’interno della sua visione. Lo ‘sguardo’ dell’autore si conferma infatti ancora una volta rivolto verso una latitudine - artistica ed esistenziale - intima e raccolta, che vive nell’individuazione di dettagli nascosti, quelli in cui si celano la verità e l’essenza delle cose.

È quanto avviene ne Il respiro della terra, anche attraverso una sperimentazione tecnica che si serve della stampa su tela, per conferire agli scatti una resa materica, in alternanza con l’uso di carta baritata, fibra naturale che serve ad accrescere gli effetti espressivi sul piano cromatico. Particolarmente suggestive risultano pertanto alcune immagini che hanno per oggetto le radici degli alberi, in cui il mezzo fotografico riesce a disvelare le forme organiche insite nella natura, che alludono all’uomo e all’origine della vita. Le molteplici pieghe del mondo vegetale emergono così in superficie attraverso grovigli di linee prevalentemente nodose e contorte, a cui l’arte fotografica di Cristian Palmieri restituisce la dimensione - perfetta e assoluta - di un tempo interiore.

Immagini mute ma eloquenti, che a volte si accendono di colore, in cui in realtà è il colloquio con se stessi a prevalere, nella volontà di recuperare quel senso di appartenenza alla terra che è il ‘respiro’ della nostra vita e della nostra - umanissima - identità. 

 

Prof.ssa Manuela VALLERIANI